Riconoscimento: titoli di studio, qualifiche professional

RICONOSCIMENTO TITOLI DI STUDIO

 Riconoscimento titoli di studio conseguiti in Polonia:

scolarità elementare, media, media -superiore

Le pagelle scolastiche delle scuole elementari, medie, medie-superiori, rilasciate da istituti scolastici in Polonia, non vengono riconosciute in Italia in via automatica. I documenti che attestano  il compimento di determinate periodi educativi, che verrebbero utilizzati per proseguire la formazione scolastica in Italia, vanno preparati per l’uso all’estero.

Le pagelle scolastiche delle scuole elementari, medie, medie-superiori, devono essere corredate da timbro del competente per circoscrizione di rilascio kuratorium (ufficio regionale scolastico), e successivamente da Apostille, presso il Ministero degli Affari Esteri di Warszawa.

 
Attenzione: qualora la traduzione venisse eseguita in Polonia a cura di un traduttore giurato, si prega di osservare il giusto ordine delle azioni: la traduzione dovrebbe essere eseguita quando il documento sarà già munito del timbro del kuratorium. Successivamente, l’originale e la traduzione vanno prodotti al Ministero degli Affari Esteri polacco, per essere corredati di Apostille, che verrà apposta su ambedue.


Per esigenze delle autorità scolastiche Italiano, l’UFFICIO CONSOLARE DELL’AMBASCIATA D’ITALIA IN VARSAVIA, rilascia LA DICHIARAZIONE DI VALORE, ovvero certificato attestante la validità del grado di istruzione completato in Polonia.

Riconoscimento dei titoli universitari polacchi in Italia

Il riconoscimento in Italia dei titoli di studio conseguiti all’estero, non avviene in via automatica. La persona che intende ottenere in Italia il riconoscimento di un titolo universitario conseguito in Polonia, dovrebbe in primo luogo contattare la segreteria studenti del prescelto Ateneo italiano, competente in materia di riconoscimento. Maggiori informazioni circa la prassi della legalizzazione, e dell’immatricolazione universitaria in Italia, si possono avere consultando le pagine internet dell’Istituto Italiano di Cultura in Varsavia. Le informazioni sul riconoscimento in Italia dei titoli universitari polacchi vengono fornite anche da uffici per la collaborazione internazionale delle università italiane. In generale, è necessario produrre: diploma di maturità, diploma universitario (ambedue legalizzati e complete di traduzione, e inoltre la dichiarazione di valore rilasciata dal consolato italiano di Varsavia), programma degli studi.

Riconoscimento in Polonia di titoli di studio della scuola elementare, media e media-superiore italiana

Pagelle scolastiche e diplomi finali delle scuole italiane, destinati all’uso in Polonia, sono soggetti al riconoscimento. Il riconoscimento  viene deciso dal Kurator O?wiaty (Provveditore agli studi), competente per il luogo di residenza del richiedente, oppure, qualora il richiedente non risultasse residente in Polonia, il riconoscimento verrà deciso dal Provveditore agli studi competente territorialmente per sede dell’istituito, al quale il documento andrà prodotto. Ai fini di riconoscimento è necessario produrre la pagella scolastica o diploma finale, debitamente legalizzati dalle competenti autorità italiane, ed il relativo certificato, rilasciato dal Console di Polonia, attestante la durata della scolarità completata (nel caso di diploma di maturita’, la certificazione deve contenere l’annotazione sulla possibilità del titolare di accedere all’istruzione universitaria).

Il titolo di studio conseguito in Italia, deve essere preparato per l’uso in Polonia, ovvero legalizzato dal competente Ufficio Regionale (o Provinciale) scolastico e dalla Prefettura (Apostille). Il documento legalizzato va corredato di traduzione (anche fatta a cura di un traduttore  giurato in Polonia). Le traduzioni fatte in Italia sono soggette all’obbligo di verifica presso il consolato polacco.

Diritti consolari a titolo di rilascio della certificazione per uso riconoscimento titolo di studio in Polonia ammontano a 30 Euro.

Diritti consolari a titolo di verifica della traduzione ammontano a 30 Euro.

Riconoscimento in Polonia dei titoli di studio universitari

L’Ufficio Consolare dell’Ambasciata della Repubblica di Polonia in Roma si pregia di informare che in data 1 ottobre 2011 è entrata in vigore la legge 18 marzo 2011, con la quale vengono apportate modifiche  alla Legge sull’istruzione universitaria, legge sui gradi accademici e  titoli di ricerca, nonché’ sui gradi e titoli accademici nell’ambito dell’arte e sulle modifiche ad alcune normative (G.U. n. 84 pos. 455). Tali modifiche introducono facilitazioni al procedimento di riconoscimento dei titoli accademici conseguiti nei paesi UE.
 
Autorità polacca, competente in materia di riconoscimento di titoli e gradi accademici e':

 
Ministerstwo Nauki i Szkolnictwa Wy?szego
Departament Nadzoru i Organizacji Szkolnictwa Wy?szego
Ul. Wspólna 1/3 (wej?cie od ul. Ho?ej 20)
00-529 Warszawa 53
Tel.      00 48 – 22 – 628 67 76 lub 52 92 266
Fax:     00 48 – 22 – 628 35 34
e-mail: mailto: sekretariat.dpu@nauka.gov.pl


Informazioni in merito sono pubblicate sul sito del Ministerstwo Nauki i Szkolnictwa Wy?szego (Ministero dell’Istruzione e dell’Università polacco): www.nauka.gov.pl

 
Attenzione: diplomi rilasciati da università pontificie, vanno legalizzati dalla Segreteria di Stato dello Stato Città Vaticano, e successivamente dal consolato polacco.


RICONOSCIMENTO QUALIFICHE PROFESSIONALI

RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI IN ITALIA

Il riconoscimento delle qualifiche professionali nell’Unione Europea viene regolato dalla direttiva 2005/36/UE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 7 settembre 2005 sul riconoscimento delle qualifiche professionali. In Italia, la direttiva è stata recepita  con D. Lgsl. n. 206 del 6 novembre 2007.

Il decreto in questione riguarda i cittadini comunitari che intendono esercitare in Italia, come lavoro dipendente o libera professione, le cosiddette professioni regolamentate  (ad. es. medico, infermiere, dentista, veterinario, ostetrico, farmacista, architetto, avvocato), in virtu’ della qualifica professionale conseguita all’estero. L’esercizio di professione regolamentata, viene regolato dalla normative italiana.

Ai sensi dell’art. 53 della direttiva di cui sopra, la persona che intende procedere al riconoscimento in uno stato membro della qualifica professionale, deve dimostrare di avere la  padronanza della lingua ufficiale di quello stato, sufficiente per svolgere la professione.

Le informazioni dettagliate sul riconoscimento in Italia della qualifiche professionali, sono accessibili sul sito internet

http://www.politicheeuropee.it/attivita/?c=riconoscimenti-professionali

Punto di contato in Italia : puntonazionaledicontattoqualificheprofessionali@politicheeuropee.it

Lucia Monaco
Presidenza Consiglio Ministri
Dipartimento Politiche Europee
Piazza Nicosia, 20
00186 ROMA
Tel: 06 67795322
Fax: 06 67795064
e-mail: lu.monaco@palazzochigi.it

Maria Giuseppina Castellano
Presidenza Consiglio Ministri
Dipartimento Politiche Europee
Piazza Nicosia, 20
00186 ROMA
Tel: 06 67792548
Fax: 06 67795064
e-mail: g.castellano@governo.it


La domanda per il riconoscimento della qualifica va formulata all’autorità competente. Elenco di professioni regolamentate e autorità  competenti per il riconoscimento. Alla domanda vanno uniti i seguenti documenti:

  • copia documento d’identita’ in corso di validita’
  • copia autenticata del diploma universitario,
  • copia del titolo di abilitazione professionale, previsto dal Paese in cui è stato conseguito
  • copia autenticata  di iscrizione al competente Albo Professionale, del passe in cui è stato conseguito
  • dichiarazione di valore in originale, attestante il possesso di qualifica professionale,  rilasciata dall’Ufficio Consolare dell’Ambasciata d’Italia in Varsavia,
  • certificato di nulla osta all’esercizio della professione nel Paese in cui la qualifica è stata conseguita,
  • certificato che attesta il percorso dell’attività professionale svolta (inclusi periodi di tirocinio svolti).
  • I documenti di cui sopra vanno tradotti in italiano a cura di un traduttore giurato. Le traduzioni fatte in Polonia, devono essere corredate di Apostille dal Ministero degli Affari Esteri polacco.

Entro un mese, l’autorità italiana competente dovrebbe: o confermare il ricevimento della domanda,  o indicare i difetti  formali della stessa. La domanda presentata in maniera corretta, dovrebbe essere valutata entro 4 mesi nell’ambito di un procedimento amministrativo, oppure entro 3 mesi, qualora il riconoscimento è automatico.

RICONOSCIMENTO DELLE QUALIFICHE PROFESSIONALI IN POLONIA

Il centro polacco, competente in materia di riconoscimento dei titoli professionali in base alla direttiva 2005/36/UE è il seguente:

Ministerstwo Nauki i Szkolnictwa Wy?szego
Departament Nadzoru i Organizacji Szkolnictwa Wy?szego
Wydzia? Koordynacji Sytemu Uznawania Kwalifikacji Zawodowych
tel. +48 22 52 92 266, +48 22 628 67 76
fax. +48 22 628 35 34
email: kwalifikacje@mnisw.gov.pl

Per maggiori informazioni, consultate il sito:

http://www.nauka.gov.pl/szkolnictwo-wyzsze/mobilnosc-akademicka-i-zawodowa/uznawanie-kwalifikacji-zawodowych/#c33